LA PRIMA VOLTA IN AZZURRO DI RIVA, FERRERO E SPANIO CON LA NAZIONALE DI SERIE C

di FRANCO ASTENGO

All’inizio della stagione 1959 – 60 la Serie C trovò il punto di miglior sistematizzazione dopo una serie di esperimenti avviati con il girone unico nazionale dalla stagione 1952 -53, successivamente con la formula a due gironi, nord e centro – sud (campionato 1958 – 59) e alla fine il format su 3 gironi, nord, centro, sud che avrebbe resistito per quasi un ventennio, allorquando con il campionato 1978 – 79 fu istituita la C2.

La formula a 3 gironi , nord, centro e sud diversa dall’attuale che divide longitudinalmente il nord e il centro del Paese, consentì il massimo di espressione nella rappresentatività delle forze intermedie del calcio italiano, attraverso un mix tra “nobili decadute” (magari provvisoriamente) ed espressioni di città di provincia molto vive: in quel periodo fu fornito, dalle squadre di terza serie, un contributo rilevante alla crescita tecnica e agonistica dell’intero movimento calcistico. In quel quadro, nella fase in cui si andavano formando le rappresentative di Lega sia di Serie A, sia di Serie B, fu formata anche la rappresentativa di Lega della Serie C definita subito come “Nazionale”.

In questa occasione raccontiamo schematicamente le stagioni di avvio di questa Nazionale: vi si troveranno nelle formazioni i nomi di futuri astri della Serie A a dimostrazione di quel discorso di crescita complessiva dal quale siamo partiti.

L’Italia Serie C esordì dunque il 22 maggio 1960 a Reggio Calabria avversaria la nazionale tunisina sconfitta seccamente per 4-0. L’Almanacco del Calcio Illustrato pubblica soltanto la formazione italiana, omettendo sia i marcatori delle reti, sia la composizione della squadra avversaria.

Ecco la squadra dell’Italia Serie C: Dinelli, Facca, Barabotti, Buccioni (Ciotti), Pirovano, Bettoni, Barbato, Ronconi (Campanini). Mencacci, Dell’Angelo, Giordano.

Parecchi in questo “11” i giocatori destinati alla serie A: il portiere Dinelli (in quel momento allo Spezia) all’Udinese; il terzino Facca protagonista del Lecco nelle stagioni disputate dai blu celesti nella massima divisione; il centromediano Pirovano, in quel momento alla Pro Vercelli, poi alla Fiorentina per lunghe stagioni; il mediano Bettoni con il Foggia salito di corsa dalla Serie C alla Serie A sotto la guida di Don Oronzo Pugliese; l’ala Barbato poi al Napoli e al Catanzaro; la fortissima mezzala Dell’Angelo alla Fiorentina; l’ala sinistra Milly Giordano che in serie A aveva già militato con la Sampdoria e successivamente, a Savona, avrebbe dimostrato doti di vero giocoliere. Commissario Tecnico per l’esordio Galluzzi, già allenatore di Fiorentina e Sampdoria, uno dei primi tecnici a far parte dello staff dirigenziale del centro tecnico di Coverciano, all’epoca appena inaugurato.

La seconda gara della Nazionale di Serie C fu disputata il 12 giugno 1960, in trasferta a Casablanca, avversario il Marocco superato per 3-1.

Formazione: Dinelli, Facca, Bonometti, Gianesello, Cioni, Bettoni, Vittorino Calloni, Dell’Angelo, Barbato, Mencacci, Cervetto.

La stagione successiva, 1960 – 61 la nazionale di Serie C fu impegnata in una doppia sfida avversarie Malta e Lussemburgo.

Livorno 25 gennaio 1961

Italia Serie C – Malta 3-0

Formazione. Paolicchi (Belinelli),  Cattani, Colombo, Gori, Chirico, Cioni, Gallo (De Nardi), Galandini, Piaceri, Bellemo, Galtarossa (Gallo).

Da notare in questa formazione di due portieri Paolicchi,  poi approdato alla Fiorentina al momento della cessione di Sarti dai viola all’Inter ma inesorabilmente chiuso come titolare da Ricky Albertosi, e Belinelli, eterno portiere del Livorno che i savonesi ricorderanno benissimo autore di meravigliose parate al “Bacigalupo” in una partita sfortunata per i colori bianco blu: rigore sbagliato da Verdi, goal di Nastasio in contropiede all’ultimo minuto e sconfitta casalinga per il Savona 0-1. Punti che contribuirono, purtroppo, alla drammatica retrocessione con la “fatal Catania”.

Lussemburgo 30 aprile 1961

Italia  Serie C – Lussemburgo 2-1

Italia Serie C: Paolicchi, Barucco, Colombo, Gori, Magnaghi, Cioni, De Nardi, Bellemo (Morano), Turci, Spanio, Galtarossa.

Esordisce nella nazionale di Serie C una futura conoscenza degli sportivi savonesi: “Giullo” Angelo Spanio, il “rosso” mezzala super tecnica che sarà protagonista nella stagione di Serie B 1966-67. All’epoca di questo esordio internazionale Spanio militava nella Pro Vercelli, in seguito avrebbe indossato anche le maglie di Parma, Napoli, Roma, Spezia, Cesena oltre che, come già ricordato, quella del Savona.

1.jpg

Tempi  di boom economico: la Nazionale di Serie C poteva già permettersi un’elegantissima divisa per le trasferte.

Modena 11 giugno 1961

Italia Serie C – Lussemburgo 1-0

Formazione: Cassani, Cattani, Colombo, Gori, Chirico, Cioni, Bravi, Spanio, Torriglia, Bellemo, Ribechini.

Il portiere Cassani, nazionale anche nella juniores passerà dal Legnano alla Juventus senza riuscire però a giocare in prima squadra; impresa che invece risulterà alla port<ata del mediano Gori. L’ala destra Bravi sarà in serie A con il Lecco; il centravanti Torriglia, dopo aver contribuito alla salita del Cagliari dalla Serie C alla Serie B, non troverà spazio nelle categorie superiori.

La Valletta 18 giugno 1961

Italia Serie C – Malta 3-0

Formazione: Paolicchi, Barucco, Colombo, Cioni, Tarantino, Balloni, Bravi, gori, Torriglia, Currarini, Ribechini.

Lo spezzino Currarini salirà di categoria approdando al Milan ma in rosso nero non riuscirà  ad esordire in Serie A. Tornato in Liguria con il fratello anch’egli ottimo centrocampista disputerà per lunghe stagioni i tornei regionali.

Stagione 1961 – 62

Si disputano quattro partite, fra le quali una mista come nazionale di Serie C – D.

Ecco il dettaglio.

Dublino 17 marzo 1962

Italia Serie C – Lega Eire 3-0

Formazione: Ferrari, Villa, Vitali, Castano II, Peretta, Cioni, Colombo, Gambino, Cavicchia, Luna, Brenna.

L’Almanacco fornisce anche il tabellino dei marcatori: si trattò di una tripletta per il centravanti Cavicchia, in futuro alla Fiorentina e alla Salernitana. Da ricordare il terzino Vitali poi alla Lazio; il centrocampista Gambino anche lui protagonista della salita del Foggia dalla Serie A alla Serie C, e l’ala Brenna, in forza in quel momento al Legnano poi alla Spal. Brenna chiuse la sua carriera come allenatore – giocatore a Sanremo riportando i matuziani (stagione 1974 – 75) dalla Promozione alla Serie D. Fra i giocatori di quella Sanremese da ricordare la presenza di Giampiero Ventura attuale CT della nazionale. Un ricordo anche per la mezzala Luna della Lucchese: si pronosticava per lui un grande futuro ma alla fine rimase per tutta la carriera a Lucca in Serie C.

Belfast 20 Marzo 1962

Lega Irlanda del Nord – Italia Serie C 6-2

Italia Serie C: Ferrari (Ferrero), Villa, Vitali, Castano II, Peretta, Cioni, Colombo, Joan, Cavicchia (Balestrieri), Luna, Brenna.

Belfast fatale per gli azzurri come da tradizione. Una brutta sconfitta (sul 6-0 salvano l’onore Colombo e Joan, futuro protagonista in serie A con Verona e Pisa).  Sul 3-0 al termine del primo tempo ingresso in campo ed esordio per Luigi Ferrero, scuola Juve in quel momento al Casale. Sarà, nella storia del calcio savonese, lo sventurato portiere della “fatal Catania”.

Rimini 6 maggio 1962

Italia Serie C – Lega Eire 6-0

Formazione: Ferrero, Villa, Vitali, Cioni, Peretta, Buccione, Oltramari, Luna (Savoia), Meroi, Gagliardi, Colombo.

Strapazzata l’Eire da una Italia di Serie C nella cui formazione esordiscono Oltramari che sarà in Serie A con Spal e Foggia, Savoia a lungo colonna del Verona nel ruolo di “libero” e Meroi anch’egli in Serie A con Sampdoria e Udinese.

2.jpg

Tra i pali Luigi Ferrero il portiere della “Fatal Catania” che costò, campionato 1966 – 67 , la retrocessione del Savona in Serie C. Gl autori di questo blog lo avevano giudicato, al momento dell’acquisto, non all’altezza del compito contestando vivacemente, purtroppo inascoltati, il direttore sportivo biancoblu Gigione Costa

Questo il resoconto della mista Nazionale Serie C- D vittoriosa a Salerno su Malta per 1-0 con rete di Meroi.

Formazione: Di Vincenzo (Lamia Caputo), Kostner, Vitali, Cioni, Teneggi, Buccino, Oltramari, Gambino, Meroi, Luna (Savoia), Colombo.

Prima presenza per un giocatore in forza al Savona. Si tratta di Luciano Teneggi, atletico difensore, successivamente al Torino con Rocco e Meroni, Catania, Foggia, Taranto, Pisa. Tra i pali giostra nel primo  tempo Sarin Di Vincenzo, genovese, portiere in Serie A con Inter, Foggia, Genoa e Sampdoria (uno dei non molti portieri ad aver indossato il rossoblucerchiato, ricordiamo Bonetti e Rosin).

Concludiamo questa nostra carrellata con la stagione 1962- 63.

Una stagione davvero particolare per la Nazionale di Serie C, almeno per due motivi. Indossa l’azzurro a questo livello nientemeno che Gigirriva “Rombo di Tuono” in quel momento al Legnano e in procinto di trasferirsi al Cagliari dove giocherà per tutta la sua luminosa carriera di massimo cannoniere nella storia del calcio italiano. Inoltre la Nazionale di Serie C effettua una davvero pionieristica trasferta nel Ghana, in tempi nei quali il calcio dell’Africa nera era davvero poco conosciuto in occidente.

Lussemburgo 7 aprile 1963
Italia Serie C – Lussemburgo 2-0

Reti: Veneranda 2

Italia: Colombo, Soldo (Costantini), Risso, Carpenetti, Zamengo, Cioni, Veneranda, Lombardo (Giannini), Di Virgilio, Pereni, Basilico.

Da segnalare l’ingresso nel secondo tempo di Giorgio Costantini, terzino “classicheggiante” del Savona poi all’Entella e per molte stagioni al Palermo tra serie A e serie B, capitano dei rosanero.

Arezzo 4 maggio 1963

Italia Serie C – Irlanda del Nord 1-0

Italia: Pezzullo, Costantini, Risso, Carpenetti, Soldo, Cioni, Milanesi, (Veneranda) Giannini, Joan, Pereni, Riva.

Rete: Cioni.

E’ l’esordio di Riva in campo internazionale, con lui da segnalare anche il portiere Pezzullo, che sarà alla lazio, il mediano Carpenetti alla Roma e alla Fiorentina, lo stopper Soldo al Varese, la mezzala Pereni al Novara e al Verona.

3.jpg

Foto storica: testimonianza dell’esordio di Gigi Riva in una rappresentativa nazionale, in questo caso quella di Serie C

Kumasi 23 giugno 1963

Italia Serie C – Rappresentativa Ashanti 3-2

Italia Serie C: Mantovani, Costantini, Risso, Gioia, Soldo, Carpenetti, Tartari (Di Stefano), Joan, Pereni, Riva.

Marcatori: Joan (2), Riva che segna il suo primo goal in una squadra nazionale.

Da segnalare il portiere Mantovani in quel momento al Casale e successivamente al Milan e il mediano Gioia passato al Messina e al Varese.

Accra 1 Luglio 1963

Italia Serie C – Ghana 3-2

Marcatori: Riva e Risso.

Italia: Mantovani, Costantini, Risso, Gioia, Soldo, Carpenetti, Di Stefano, Giannini, Joan (Tartari), Pereni, Riva.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...